Tè, tisane, infusi… ne bevo moltissimi e mi piace provarne sempre di nuovi. Cosa c’è infatti di più confortevole di una tazza calda tra le mani in una giornata fredda? E questo tè al crisantemo, da quando l’ho scoperto, è diventato la mia bevanda della sera.

Il tè al crisantemo è un infuso a base di fiori appartenti alle specie Chrysanthemum morifolium o Chrysanthemum indicum, molto diffusi in Asia.

Mi piace molto il suo profumo erbaceo e il suo sapore vagamente amaro, e lo bevo liscio. Ma a piacere si può dolcificare con zucchero o miele. E’ gradevole bollente ma anche freddo, con un po’ di ghiaccio, per goderselo anche in estate.

Secondo la medicina tradizionale cinese è molto salutare. Avrebbe infatti effetti calmanti ed è consigliato in caso di ansia. E’ un leggero antidolorifico, utile soprattutto in caso di mal di testa. Avrebbe qualità anti-infiammatorie e purificatrici, ed è un valido aiuto per abbassare la pressione alta e colesterolo. Io trovo che sia perfetto per aiutare la digestione dopo un pasto – diciamo – importante…

Nella medicina tradizionale le infiammazioni sono associate ad uno stato corporeo troppo “caldo”, in cui il corpo perde il suo equilibrio. Il tè al crisantemo ha l’effetto di ribilanciare il corpo, e visto che i cinesi tengono molto a mantenere questo equilibrio, non sarà difficile vederli bere questo infuso, che si portano appresso ovunque nel solito, immancabile thermos: ci mettono un po’ fiori secchi al mattino e via, basta ricaricare di acqua calda per tutto il giorno! Ma attenzione a non berne troppo, rischiate di raffreddare troppo il vostro “Qi”, come insegnano tutte le nonne.

Oltre alle due più diffuse che ho citato prima, ne esistono moltissime varietà, alcune con capolini piccolissimi: basta provarle tutte e trovare quella che preferite.

Immagino che nelle erboristerie si trovi senza difficoltà, ma se non doveste riuscire a reperirlo questo è quello che uso io e che perferisco. E mi raccomando! non mettetevi a farlo a casa essiccando i crisantemi che magari avete nel giardino: non tutte le varietà sono edibili e al posto della pressione abbassata rischiate di ritrovarvi con un avvelenamento e un Qi un po’ confuso.

 

 

Tè al crisantemo

Ingredienti:

Mettere in una teiera i fiori di crisantemo. Versare l’acqua e far riposare 5-8 minuti. Filtrare e servire.

I fiori possono essere riutilizzati per preparare altro tè diverse volte, dato che mantengono un sapore forte e persistente. Filtrate molto bene l’infuso pronto: i fiori tendono a perdere i petali.

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.